Average rating for our customers
4.8
On 5
  Last comment: 19-11-2016
buena atención, calidad y precio. Mis felicitaciones Luis
Productos de Ortopedia


Chi siamoTour virtualeDove siamoContattaciInformazioni legaliCondizioni di vendita
In attesa in Europa: udito cura della dipendenza del settore Vedi a schermo intero

In attesa in Europa: udito cura della dipendenza del settore

Il settore della sanità come motore di sviluppo economico e di riduzione del deficit 'è stato il tema della riunione tenutasi dal ECHO e Confcommercio internazionale. Il vostro contributo è di grande rilevanza per l'attuale crisi

Maggiori dettagli

Web noticias

» Aggiungi alla mia lista dei desideri

In attesa in Europa: udito cura della dipendenza del settore

In attesa in Europa: udito cura della dipendenza del settore

Il settore della sanità come motore di sviluppo economico e di riduzione del deficit 'è stato il tema della riunione tenutasi dal ECHO e Confcommercio internazionale. Il vostro contributo è di grande rilevanza per l'attuale crisi

Sending, please wait...

Your question has been sent! We'll answer you as soon as possible.

Sorry! An error has occurred sending your question.

"Entro il 2040, il 30% della popolazione europea avrà più di 65". A questo punto, non si è a conoscenza che la trasformazione della società longevità generato è un problema che sta interessando e raggiungerà livelli ancora più elevati in pochi anni. Questa sopravvivenza è una grande conquista del nostro tempo, tuttavia, per essere un successo, dobbiamo assumere nuovi ruoli che consentono gli anziani, il presente e il futuro, in grado di vivere in modo confortevole e con qualità.


Con questa sfida come rilevante, il Parlamento europeo ha recentemente ospitato un incontro unico in cui i politici e gli operatori del settore privato, all'insegna del benessere e della salute e dei servizi sociali posizioni più vicine a convergere sulla necessità di anticipare e mettersi al lavoro. Intitolato "L'industria della cura come motore di sviluppo economico e di deficit pubblico Reduction" (Il settore della sanità come motore di sviluppo economico e di riduzione del disavanzo), Bruxelles è stato il luogo scelto per intervenire su richiesta degli organizzatori di evento, la Confederazione settore ECHO-primario datore di lavoro-dipendenza europea, la delegazione dell'UE alla Confcommercio internazionale. Ed è che i dati sono quello che sono: in Europavivono più di 85 milioni di anziani e di Eurostat stima che circa il 15% di quelli di età superiore ai 65 sono dipendenti, percentuale che sale al 25% tra gli over 75. Ne consegue che la dipendenza e l'età sono strettamente correlati. A supporto di questa idea, il presidente di Confcommercio International Alberto Marchiori, e il suo omonimo nel ECHO, Alberto De Santis, ha influenzato il progressivo aumento della popolazione in Europa. Questo, insieme con l'esistenza di una popolazione di circa 20 milioni di persone in situazioni di dipendenza dell'Unione europea, comporta la considerazione di questo settore ", come una chiave nella attuale e futura situazione economica", condannato. Così si spiega l'importanza di ascoltare le loro proposte in termini di capacità di creare investimenti e occupazione, soprattutto tenendo sfondo della crisi economica nell'UE.


Un settore strategico
Nel mondo globalizzato di oggi, in cui la difficile situazione economica si è diffusa a macchia d'olio, questo evento è di particolare importanza. La cura della dipendenza è posizionato come un settore strategico "economicamente e la generazione di ricchezza e di occupazione", ha detto José Antonio Echevarría come Segretario Generale e Presidente ECHOFED.
Echevarria ha avuto un ruolo da protagonista in questo incontro per presentare un piano europeo per la creazione di posti di lavoro, che risulta da uno studio della Fondazione spagnola ed Economia Sanitaria. Questa analisi si propone di creare 500.000 posti e socio 800.000 posti di lavoro con la costruzione di infrastrutture adeguate. Come ha detto Echevarria, "volume d'affari assistenza a lungo termine negli importi UE a 167 milioni di euro, impiega attualmente più di 20 milioni di persone e ha una fornitura di 3,5 milioni di posti letto socio. "Tuttavia, lo studio mostra grandi differenze tra i paesi, con un gruppo di nazioni che superano i 6.000 posti letto per milione di abitanti, rispetto ad altri, con un rapporto di sopra dei 10.000 posti letto. Questo piano mira "rispetto a qualsiasi paese dell'UE di raggiungere almeno un rapporto di 6.000 posti letto per milione di abitanti, il che comporta la creazione di mezzo milione di nuovi posti letto." Per intraprendere questa strategia, denominata "Salute e Lavoro", comporterebbe un investimento di circa 30.000 milioni di euro nel corso dei primi due anni.


Per ECHO, la creazione di 500.000 posti letto socio non solo di generare rendimenti superiori spendendo la necessità di creare nuovi posti di lavoro,ma anche di garantire la fornitura di posti letto necessari per la popolazione dipendente. Oggi, paesi come la Danimarca (8146), Paesi Bassi (10.293), il Belgio (12.082), Germania (10.324), Francia (8.977), la Finlandia (10.801), Svezia (13.900), Lussemburgo (10.688), Malta (10.821 ), Regno Unito (8.609), Ungheria (8290), e Irlanda (6.045) superano il rapporto tra i 6.000 posti letto per milione di abitanti.

Con più bisogno
Spagna, con 245.927 posti letto socio, raggiunge solo i 5.323 posti letto per milione di abitanti, collocandosi al di sotto di 7.133, in media, nell'UE, e avrebbe bisogno di creare altri 31.251 per raggiungere i 6.000 posti letto per milione di abitanti.
Oltre alla Spagna, i paesi più lontani da questo rapporto sono l'Italia (3.503 posti letto per milione di abitanti), Lettonia (3017), Polonia (2.326), Bulgaria (1849) e in Romania (1209). L'Italia è una nazione che avrebbe bisogno di più posti letto, 151.817 per raggiungere il rapporto di proposta, seguita dalla Polonia (141 553), Romania (102 314) e Spagna (31.251).
In termini di occupazione, il piano sarà stimolare la creazione di 390.000 posti di lavoro pieno stati membri tiemplo impostatoe circa 375.000 nel corso dei due anni di costruzione di nuovi posti letto.


Nel caso della Spagna, il piano avrebbe creato 24.938 posti di lavoro in servizio (7.125 diretti, 17.813 indiretti) e di altri 24.306 posti di lavoro, dice lo studio.
In definitiva, l'ECHO sostiene che il piano presentato dal settore genererà ritorni per il governo una maggiore spesa di investire nelle necessarie ulteriori letti socio. Nel caso della Spagna, la creazione di socio 31.251 posti letto di assistenza residenziale, con un costo di 60.000 euro a letto, generare rendimenti per la Pubblica Amministrazione 4.545.000 entro 12 anni da un investimento privato di 2.268 milioni di euro in due anni e un costo del servizio per l'Amministrazione spagnola di € 4.626.000. Attualmente, la Spagna ha speso più di un milione di dipendenza e il settore genera un fatturato pari a 8,9 miliardi di euro all'anno, conclude il rapporto.

Scrivi la tua intervista

In attesa in Europa: udito cura della dipendenza del settore

In attesa in Europa: udito cura della dipendenza del settore

Il settore della sanità come motore di sviluppo economico e di riduzione del deficit 'è stato il tema della riunione tenutasi dal ECHO e Confcommercio internazionale. Il vostro contributo è di grande rilevanza per l'attuale crisi

Scrivi la tua intervista