Average rating for our customers
4.8
On 5
  Last comment: 19-11-2016
buena atención, calidad y precio. Mis felicitaciones Luis
Productos de Ortopedia


Chi siamoTour virtualeDove siamoContattaciInformazioni legaliCondizioni di vendita


PRIMA PERSONA

Teresa Perales, contatore nuotatore

Atleta d'elite, fisioterapista, allenatore personale e atletico, conferenziere di fama internazionale, professore universitario, ambasciatore dello sport inclusivo in Spagna ... è stato anche deputato alle Cortes di Aragona e ha tenuto altre posizioni di fiducia del pubblico. E come ha descritto Teresa Perales? Come un combattente e soprattutto madre. In realtà, il suo hobby principale è giocare e non manualidadescon suo figlio.

A 19 Teresa aveva una neuropatia, che ha perso la mobilità nelle gambe. Dopo il tempo di adattarsi alla nuova situazione, ha imparato a nuotare, e quasi subito, il suo primo allenatore l'ha incoraggiata a competere. Da quel momento iniziò il campionato e vince la
posizionato oggi come uno dei migliori rappresentanti di questo sport paralimpico spagnola.

Passato di vertigini

Ricordiamo tutti il ​​suo sorriso nella difesa di Madrid 2016 candidatura o il Premio Principe delle Asturie per lo Sport 2013, tutte le esperienze che si qualificano come meraviglioso, come era la sua nomina a Aragona anno o 22 medaglie Paralimpici.Un track record di vertigine che continua e che ha servito per dare visibilità alle persone con disabilità.
Sia durante il suo tempo in politica e nel suo ruolo di nuotatore Teresa Perales ha combattuto per dare risalto a questo gruppo, ma era i successi sportivi che hanno avuto più importanza. "La visione è ora il grande pubblico per gli atleti Paralimpiadi è radicalmente cambiato in meglio e mi sento molto orgoglioso di aver contribuito ad esso ", sostiene.

Il suo rapporto con i Ortopedia

Il giorno del vostro matrimonio è un giorno indimenticabile per tutti; ma nel caso di Teresa, che aveva un elemento che ha reso ancora più speciale: voleva mostrare il suo vestito e che doveva venire a piedi in chiesa. E, come il suo motto è "l'amore è potere", ha fatto. Con l'aiuto di stampelle, la formazione e la determinazione, Teresa ha dimostrato ancora il suo spirito di eccellenza.
Sapendo questo la storia è evidente l'importante ruolo svolto Ortopedia nella vita di Teresa per ottenere l'autonomia. In realtà, si riconosce che ortopedia è uno dei luoghi più visitati quando si ha una disabilità, e ciò che è sempre stato qualcuno ha cercato escort professionista su strada ed in grado di offrire ciò che è necessario per migliorare la qualità della vita.

"Ho sempre visitato Ortopedia e devo ammettere che ho incontrato molte situazioni ma, dopo tutti questi anni, ortopedia ha convertido per me non è solo un posto per rinnovare il materiale che mi serve, ma un luogo dove incontro amici che sono anche professionisti e cercando di ottenere i migliori progressi da offrire. "

"Sono convinto che qualcuno con una disabilità può essere estremamente felice"

Che è stato raggiunto grazie alla loro ortopedia corrente di fiducia, ortopedia Silvio, dove sono sempre attenti alle novità che può andare bene Teresa. Recentemente, ci dice, vi è stato detto alcuni progressi tecnologici che sono stati scoperti in una fiera internazionale a orthoprosthetic
sono venuti. Naturalmente, aggiunge che, anche se non vi è progresso, non è a disposizione di tutti, perché il prezzo è troppo alto per il grande pubblico.

La sua filosofia

Teresa è una donna irrequieta e voleva andare anche nel mondo dell'editoria e dell'audiovisivo. Co-autore con il marito, il giornalista Mariano Menor, il libro "La mia vita on Wheels" e co-protagonista nel documentario "The Theory of Espiralismo", scritto e diretto da Mabel Lozano, su entrambe le piattaforme condividono le loro esperienze e la visione vita. Alla domanda sul perché o che fanno parte della sua spirale di felicità, che è il soggetto del documentario, l'atleta è chiaro: "Figlio mio, mio ​​marito, il resto della mia famiglia, i miei amici ... sono la più importante della mia spirale . In un altro ordine, ma anche complementari,Io lavoro, perché mi piace e perché mi dà i soldi per vivere. Ma in realtà con un sorriso Nano, figlio mio, "Ti amo" a mio marito io sono super felice. "

Teresa è chiaro: "Ho appena vivere la mia vita come mi piace e come arrivare a. E soprattutto, io sostengo che non esistono i limiti. Tutto ciò che esiste, se lo permettiamo, sono confini immaginari che solo ci portano a considerare nuove scuse per non sfide. In questa vita tutto ha
soluzione, tranne una cosa: la morte, in modo che altro si deve solo dare importanza. Sono convinto che una persona con una disabilità può anche avere grandi sfide e incontrarli, e, soprattutto, può essere tremendamente felice. "

Sfide Teresa

L'atleta è consapevole del fatto che, in molti casi, il nemico principale che abbiamo in noi
stessa. E questo è per tutto, non solo in piscina, ma nella vita stessa. Così, dice che quando
compete, il suo più grande rivale, non è l'ucraino o norvegese, ma se stessa. "Le credenze limitanti che abbiamo su noi stessi tutti fanno che blocchiamo e noi non danno del nostro meglio", dice. Ma sostiene che tutto è "addestrabili" anche i propri barriere psicologiche, così anche se difficile, non sono impossibili da superare.
Per quanto riguarda i suoi nuovi obiettivi, Teresa ha già gli occhi su nuoto europeo di questa estate, mentre per la sua stradaAmerica Latina lezioni anche lì. Qualcuno dubbio
Ho capito?

Magazine Orthoprosthetic, # 80
http://www.fedop.org/