Average rating for our customers
4.8
On 5
  Last comment: 19-11-2016
buena atención, calidad y precio. Mis felicitaciones Luis
Productos de Ortopedia


Chi siamoTour virtualeDove siamoContattaciInformazioni legaliCondizioni di vendita
Vida diaria Vedi a schermo intero

Nuove prove scientifiche per la neuroriabilitazione

Nuove prove scientifiche per la neuroriabilitazione a rotta di collo

Maggiori dettagli

Vida diaria

» Aggiungi alla mia lista dei desideri

Nuove prove scientifiche per la neuroriabilitazione

Nuove prove scientifiche per la neuroriabilitazione

Nuove prove scientifiche per la neuroriabilitazione a rotta di collo

Sending, please wait...

Your question has been sent! We'll answer you as soon as possible.

Sorry! An error has occurred sending your question.

Le scoperte scientifiche sulla capacità di adattamento del nostro sistema nervoso, insieme con l'uso di tecnologie emergenti e discipline come la robotica, biomeccanica e realtà virtuale stanno facendo un grande balzo in avanti nel trattamento di pazienti con lesioni e malattie neurologiche. Da questa, e altre questioni saranno discusse durante il 14-16 novembre a Toledo nella prima conferenza internazionale sulla Neuroriabilitazione (ICNR 2012).

L'evento, organizzato congiuntamente dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CSIC) e l'Ospedale Nazionale Paraplegici gestito dal governo di Castilla-La Mancha, vedrà la partecipazione di esperti provenienti da tutto il mondo nei settori della riabilitazione clinica, applicata neurofisiologia e neuro. L'intervista con uno dei principali organizzatori, l'unità responsabile della Biomeccanica e ausili tecnici HNP Dr. Angelo Gil, abbiamo avamposto serve per pubblicizzare l'evento e l'importanza dei suoi contenuti.

Quali sono gli obiettivi della conferenza internazionale che si terrà Neuroriabilitazionea Toledo per il prossimo novembre?

Creare uno spazio comune dove professionisti e ricercatori coinvolti in diversi ambiti clinici, la tecnologia e la ricerca relativi allo sviluppo di nuovi dispositivi e tecnologie per i disabili. Discuteremo i nostri recenti progressi nel campo della robotica, realtà virtuale e nuove interfacce che collegano il cervello di comunicare con la macchina.

Angel_Gil2Ciò che gli scienziati più importanti sarà presente a questo evento a Toledo?

I ricercatori frequentare una maggiore attenzione nazionale e internazionale, come il gruppo di Bioingegneria CSIC, il cui responsabile è il professor José Luis Pons. I ricercatori sono anche grandi, come Metin Akay, Università di Houston, Grégoire Courtine Dietz Wolkan UCLA o Zurigo, tra gli altri eminenti scienziati.

Come si vive in un contesto clinico di impatto neurologico della tecnologia?

Con grande attesa. Queste discipline, relativamente nuovo, riempiono un vuoto nel neurorehabilitador trattamento e stanno portando interessanti sviluppi in un breve periodo di tempo.

Perché è così promettenteconvergenza tra discipline diverse per neuroriabilitazione?

Proprio in questa conferenza vogliamo sottolineare come, contro il primo approccio, ora è necessario la conoscenza di diverse discipline per il trattamento di un problema. Questo è visto come un processo trasversale in cui medici e tecnici, applicati alla neuroriabilitazione ingegneria, lavorare insieme e aggiungere la conoscenza.

A che punto è la ricerca sul rapporto umano sistema nervoso con i sistemi meccatronici per ripristinare la capacità funzionali?

Molti progressi si stanno verificando. In alcune zone ci sono ancora soluzioni applicabili e commerciabili per l'utente, gli altri fanno. Si stanno facendo progressi nel mondo delle interfacce, in grado di collegare la persona con una macchina rilevando segnali nervosi dal cervello che i nervi possono o periferica. Questa tecnologia ci permette di migliorare le tecniche di riabilitazione, fino ad allora inaccessibile, la gestione e l'uso di neuroplasticità ortesi e funzionalità robotico che annulla una persona che ha perso.

Cosa neurorobótica può offrire al mondo della disabilità fisica, in particolare per le persone con lesione del midollo spinale?

Ci sono realtà, come esoscheletri robotici che, integrando motore e funzionali sistemi di stimolazione elettrica permettono di avere una certa capacità di deambulazione nei pazienti che non potevano camminare lontano. Ci sono anche portatili dispositivi robotici che possono essere utilizzati per migliorare la funzionalità degli arti superiori e, per esempio, dispositivi controllati dalla corteccia cerebrale, noto come "interfaccia cervello-computer", che cominciano ad essere utilizzati da persone con lesione del midollo spinale per migliorare la loro qualità di vita e ridurre la loro dipendenza.

L'Ospedale Nazionale di paraplegici inoltre sta avviando un progetto di ricerca per lo sviluppo di esoscheletri

Siamo coinvolti in un progetto di ricerca denominato HYPER vasta portata, che coinvolge nove altri centri di ricerca di prestigio e in cui ci stiamo muovendo in modo significativo allo sviluppo di esoscheletri tecnologia ibrida. Con questa tecnologia si cerca di ripristinare la deambulazione in persone che non potevano camminare, raggiungere la funzione nelle persone con tetraplegia arto superiore interessato, e l'integrazione delle tecnologie di controllo quelle del cervello per questi dispositivi.

Per gli scienziati secoli hanno sognato di essere in grado di guardare il cervello umano e del sistema nervoso durante l'esecuzione di varie attività, ad esempio, mentre una personadi vedere, sentire, qualcosa di odore, il sapore, o toccare. Ciò che rende sta permettendo lo sviluppo di nuove tecniche, neurofisiologia, neuroimaging ...?

In questa conferenza sono realtà applicati per l'utente, ma per arrivare a loro prima che fosse necessario fare un lavoro precedente per quanto riguarda la scienza di base e delle neuroscienze. Neurofisiologia tecniche applicate sono molto importanti per individuare i modi che ci permettono di collegare il corpo umano con le macchine. Ci sono grandi passi avanti per individuare questi elementi, estremamente piccolo, che ci permette di captare i segnali dal sistema nervoso periferico o corteccia cerebrale e quindi la gestione di tali dispositivi. Neuroimaging è essenziale anche quando si tratta di interfaccia cervello, magnetica funzionale tecniche di imaging di risonanza per osservare quali aree del cervello sono azionati per eseguire un compito specifico, che è molto utile per la progettazione di dispositivi di controllo.

Angel_Gil3Perché l'aumento di Biomeccanica in riabilitazione? Quale valore aggiunto offre recente disciplina in questo settore?

La biomeccanica è una disciplina di conoscenze fondamentali nel processo di riabilitazione di una persona,in questo caso con danni al sistema nervoso nella sua condivisione delle conoscenze con ambienti diversi: medici, ingegneri e specialisti di riabilitazione per trarre maggiori benefici. I Biomeccanica offre due valori aggiunti: in primo luogo di oggettivare lo stato funzionale di un paziente, hanno una riproducibile ancora di sapere che cosa i loro deficit fondamentali e poi affrontare dal punto di vista terapeutico. Questo valore aggiunto sviluppi di valutazione e applicazioni di robot e esoscheletri portatili. In precedenza l'analisi biomeccanica è necessaria la funzione e fornire informazioni al robot per compensare la funzione perduta.

Come combinare le terapie convenzionali, stile fisioterapia, con tutti questi progressi nel processo di riabilitazione?

Queste discipline non può in alcun caso sostituire le discipline tradizionali e professionisti. Queste terapie complementari che sono disponibili per le squadre di riabilitazione, come uno strumento fondamentale per oggettivare i compiti. I professionisti dovranno avere familiarità con questo tipo di opzioni di trattamento e deve vederli come un'opportunità e non una minaccia, in quanto forniscono un nuovo modo di gestire i processi e servizi di riabilitazione. Pongo Lokomat ad esempio, uno dei dispositivi più popolari robot per la rieducazione alla deambulazione umana. Se primaquattro persone sono state necessarie per sottoporsi a spostare il tronco e gli arti, di riprodurre il gesto di camminare umane, grazie a questo dispositivo, un fisioterapista può eseguire questa operazione.

In conclusione Quanto la strada dalla canna bastone, e sedia a rotelle al neurorobótica neuroprotesi e noi?

Io vengo dal mondo clinico e sono voluti sette anni in questo mondo di biomeccanica, in questo momento sto vedendo una tremenda esplosione di nuovi sviluppi e contributi. E 'difficile dire a che punto il modo in cui siamo, il fatto è che il progresso è enorme e l'emergere di nuove soluzioni è prodotto a rotta di collo. Dobbiamo essere molto ottimisti con queste tecnologie.

Scrivi la tua intervista

Nuove prove scientifiche per la neuroriabilitazione

Nuove prove scientifiche per la neuroriabilitazione

Nuove prove scientifiche per la neuroriabilitazione a rotta di collo

Scrivi la tua intervista