Average rating for our customers
4.8
On 5
  Last comment: 19-11-2016
buena atención, calidad y precio. Mis felicitaciones Luis
Productos de Ortopedia


Chi siamoTour virtualeDove siamoContattaciInformazioni legaliCondizioni di vendita
Noticias Vedi a schermo intero

Pronto, pronto ..... Y. vincitori

ELENCHI preparati ..... vincitori

Maggiori dettagli

NOTICIAS

» Aggiungi alla mia lista dei desideri

Pronto, pronto ..... Y. vincitori

Pronto, pronto ..... Y. vincitori

ELENCHI preparati ..... vincitori

Sending, please wait...

Your question has been sent! We'll answer you as soon as possible.

Sorry! An error has occurred sending your question.

Si dice che il 50% di questo sport è mentale, e questi atleti qualificati per i Giochi di Londra lo attestano. La svolta arriva il 29 agosto, quando 142 Spagnolo 4000 a unirsi altri paesi della Paralimpiadi, dove sperano di lasciare la Spagna, almeno in un buon posto come a Pechino, dove i biglietti erano 58 medaglie. Se un giorno hanno deciso che la loro diversità funzionale non doveva essere un giudizio, ora chiaramente capire che è una sfida per aver ottenuto il blocco. Tra le altre cose, perché grazie allo sport hanno vinto l'indipendenza, la libertà e l'autonomia. "Non è solo una parte della riabilitazione, ma anche l'integrazione, standardizzazione e fare le cose per te stesso," disse il marinaio Carolina Lopez. Nessuno della pratica paralimpico spagnolo spettatore sport, alcuni hanno disabilità molto gravi e sono anche le donne. Una combinazione perfetta per dover lavorare. due volte? Alcuni di lì. Per iniziare, perché l'attenzione dei media non si avvicina, nemmeno vicino a quello dei loro coetanei senza disabilità. Ma anche, perché essendo un atleta d'elite e la donna rimane eccezionale: se la percentuale che è andato alle Olimpiadi in Spagna, è stato di circa il 40% la rappresentanza alle Paralimpiadi rimane al 23%. Forse è per questo che si può andare e appendere un medalla.Peromerito non è sufficiente. "Va bene così a partecipare, ma tutto ciò che con le unghie affilate, le medaglie sono costosi!" Dice Raquel Acinas, ciclista e, come tutti loro campioni in pista e nella vita.


Acinas Raquel: "" Se ho solo una gamba, io uso "
34, architetto tecnico.
"Otto anni fa ho avuto l'incidente ho amputato la gamba sinistra. In poco tempo si è andare in palestra e mi è sempre piaciuto lo sport, ma la verità è che da qualche tempo aveva parcheggiato la mountain bike. Tuttavia, un anno e qualche mese dell'incidente, ho preso una bici e mi richiusura. Cercava uno sport per farmi usare la sua gamba destra: se ne avessi una, ho voluto usare. Così sono andato a Horta Velodromo dove ho incontrato un gruppo di persone straordinarie, tra cui il mio allenatore, Bernat Moreno. Ho pensato che la promessa, e ancora oggi. Poco dopo l'inizio, nel 2006, è stato campione di Spagna e che è stato il punto di svolta: ho iniziato a lavorare sempre meno e formare sempre di più. Alcunipensa con una disabilità non riesco a capire, e questo è falso. Dovremo cercare i turni, hanno bisogno di adattamenti, ma sempre qualcosa che si può fare. Quest'anno ho corso il Campionato di Spagna contro la donna, che per primo è cresciuto insieme, e l'esperienza è stata grande. Anche se molti partecipanti corse "tutto" nella prima parte del giro sono stato tra i primi. Cosa mi aspetto di queste Paralimpiadi? Essere sul podio! Importo perché mi piace e godere. Quindi, se non porto medaglia, non solo il mondo. "

Elena Jacinto: "Chi direbbe che in una sedia a rotelle sarebbe felice!"
27 anni, che lavora nel settore assicurativo DKV
"Dopo due mesi di tentativi di suicidio, che è finito in una sedia a rotelle, ha cercato di tennis. Era in Neuroriabilitazione Institute e Professore Guttmann è venuto a convincermi che ho provato. Non male e mi ha dato mi ha aiutato fuori dalle secche in cui è stato. Piuttosto faticoso, sia fisicamente che psicologicamente, ma ho compensato. In caso contrario, vorrei dedicare tante ore, perché alla fine, tra lavoro e formazione, non ho tempo per niente. E che ho la fortuna, perché nel mio lavoro hosuperamenti permesso di chiedere di andare ai tornei. Se lo sport è più sostegno per i disabili, sicuramente potrebbe dedicare più tempo al tennis. Eppure, io sono migliorate, e si sono qualificati come ricompensa. Prima dell'incidente, non avrei mai sollevato. Poi ho pensato di soggiornare in una sedia a rotelle sarebbe la cosa peggiore che potrebbe accadere. Chi avrebbe detto che ora, su una sedia, quando ho avuto modo di essere felice! Siamo orgogliosi del fatto che ho raggiunto. Lo sport aiuta molto a vivere in modo indipendente. Non solo perché si sviluppa la forza di cui avete bisogno per la vostra vita di tutti i giorni, ma anche perché ti insegna che in un primo momento sembrava impossibile che difficile. I limiti spesso li segnano noi stessi. E 'vero che non può salire le scale con i piedi, ma c'è sempre un modo per andare. "

Sara Martinez: "A sinistra Atene con 14, era il più giovane di questi giochi"
22 anni, educatore prima infanzia.
"Ho iniziato in atletica con otto anni e ci è piaciuto molto, specialmente in esecuzione. Qual è stato così divertente che è stato il salto in lungo, ma all'età di 12 anni mi sono laureata in esso ea 14 ho partecipato nella mia Paralimpiadi prima che la disciplina, io ero l'atletapiù giovane di questi Giochi. Anche allora non era molto consapevole di cosa significasse, quando ho iniziato a prendere più sul serio. A poco a poco sono stato coinvolto, è venuto il mio secondo Paralimpiadi di Pechino, e ora eccomi qui, di formazione sei giorni alla settimana per circa tre ore al giorno, cinque ore al giorno, mentre in una concentrazione. Penso che trovare il giusto equilibrio sport e aprire la mente. Ho una disabilità visiva del 81%, ma questo non mi ha fatto sentire diverso, ho potuto fare le stesse cose, o quasi, i miei amici. Non può svolgersi come una pista da corsa, ma con adattamenti (per salto in lungo, invece di salire su un tavolo 30 centimetri lo fanno in 1 m2 di calce), la tecnica è la stessa. Forse ciò che è necessario è quello di incoraggiare più sport per i disabili e le differenze con meno adatto. Ad esempio, il primo ministro ha respinto le Olimpiadi ... ma non si ha intenzione di sparare a nessuno. Nonostante i progressi, diventa molto lento. Quindi siamo ancora pochi, ma speriamo di lasciare la Spagna al posto buono. Questa è la prima volta che vado a un Paralimpici con opzioni reali, il mio marchio è la mia speranza di migliorarla 5,81 ai Giochi di Londra. Se dovessi tornare a medaglia? Faccio un partito ".

Carolina Lopez: "Lo sport ti dà indipendenza e la libertà. Se si vuole si può "
36 anni, laureato in business
"Fino a quando l'incidente per il quale ero in una sedia a rotelle, ho una lesione del midollo spinale tetraplegia permette solo a me la mobilità del torace-up è che, nella migliore delle ipotesi, fare una passeggiata al campo. Ma dopo l'incidente ho incontrato la Fondazione sport anche adattati, e iniziato a fare qualche percorso di biciclette, sub, ... Fino a quando ho incontrato la vela, dove il senso di libertà è enorme. Ho cominciato a navigare con un amico, Fernando Alvarez, e pur avendo la formazione poco tempo, abbiamo deciso di introdurre elementi di prova Sailing Federation convoca per selezionare il preparalímpico squadra. La sorpresa è venuta quando riescono a qualificarsi per i Giochi. Di fronte alla sfida con un sacco di speranza, non ho mai pensato di arrivare qui. Infatti, quando i miei amici mi ha sentito dire: "Non ci posso credere. Se non hai mai visto in tuta ". L'incidente ha portato a un cambiamento radicale nella mia vita, perché ho passato a dipendere da una persona per tutto. In un primo momento ho trovato tutto un mondo. Ma quando la Fondazione ha incontrato persone in grado di fare cose che non ho mai me sollevato, cambiato la mia prospettiva. Lo sport aiuta il senso di indipendenza e di libertà, e se lo si desidera, è possibile ... Finché si dispone di supporto. Quindi penso che l'integrazione dovrebbe partire dal basso, dascuole. Non c'è nulla di positivo segregare ".

Congost Elena: "chance medaglia di quest'anno, come il mio amico Mireia"
24 anni, Diploma in Didattica.
"Bisogna sacrificare molto per arrivare ai Giochi, così giusto collegamento con le persone che hanno i tuoi stessi routine. Mireia Belmonte camera quota nel Centro High Performance di Sant Cugat e, quando abbiamo del tempo libero, come andare al cinema molto. Quando ho iniziato era solo un hobby, non ho mai pensato che sarebbe stato professionale. Così, quando ha fatto il minimo per le Olimpiadi di Atene, che ha sorpreso tutti. Che è venuto grande: avevo 16 anni e lo stadio affollato mi vinse. Il Beijing sono piaciuti di più, ma sapeva che non aveva scelta. Ma ora ci sono possibilità di medaglia mi si avvicinano in maniera diversa, fanno del loro meglio per trasformare le diffi coltà di ciascuno. Nel mio caso, io sono nato con danno del nervo ottico e dei treni, quando ci sono fattori che mi costringono a impegnarsi di più: il saldo è influenzato quando il potere esce, non posso allenare ... Allora e la concorrenza, la differenza con il Olimpiadi è che alcune ragazze preferiscono correre con una guida e quindi alla fine si riduce a sei corridoriinvece di 10, perché in caso contrario, si adatterebbe. Quindi, si deve lavorare, ma solo per le persone che vi sostengono, ne vale la pena. "

(Styling: JORGE GILARRANZ e YOLANDA ARMENGOL / Foto Assistente: QUIM MUDERA / capelli e il trucco: LETICIA LARA per Moncho MORENO, SHEILA SERRANO e Ricardo Calero (TALENTI).

 

Scrivi la tua intervista

Pronto, pronto ..... Y. vincitori

Pronto, pronto ..... Y. vincitori

ELENCHI preparati ..... vincitori

Scrivi la tua intervista